GS\Webservice\JournalisticContribution Object
(
    [ID] => 682
    [Title] => Erbe mediterranee
    [SubTitle] => 
    [MainPicture] => 
    [Paragraphs] => Array
        (
            [0] => GS\Webservice\Paragraph Object
                (
                    [ID] => 68871
                    [Title] => Il mediterraneo in bocca
                    [Text] => La cucina italiana è un'esplosione di sapori in cui le erbe aromatiche sono elementi fondanti. Timo e salvia, basilico e rosmarino, origano e lavanda - tutte erbe aromatiche senza di cui molte specialità culinarie sarebbero impensabili. Bastano un paio di trucchi e un po' di cura per far crescere queste erbe a casa vostra. 
                    [HTMLText] => La cucina italiana è un'esplosione di sapori in cui le erbe aromatiche sono elementi fondanti. Timo e salvia, basilico e rosmarino, origano e lavanda - tutte erbe aromatiche senza di cui molte specialità culinarie sarebbero impensabili. Bastano un paio di trucchi e un po' di cura per far crescere queste erbe a casa vostra. 
                    [MainPicture] => GS\Webservice\Picture Object
                        (
                            [ID] => 267493
                            [Similar] => 
                            [Title] => 
                            [Url] => http://files.green-solutions.net/267493
                        )

                    [Bold] => 
                    [Italic] => 
                    [Position] => 0
                    [FileText] => 
                )

            [1] => GS\Webservice\Paragraph Object
                (
                    [ID] => 68872
                    [Title] => Versatile basilico
                    [Text] => Il basilico esalta il gusto di una semplice salsa di pomodoro e sublima quello di un'insalata caprese. Il basilico ( Ocimum basilicum ) è l'arma segreta della cucina italiana. Ma ricordate: il basilico non dovrebbe cuocere insieme alla salsa, ma essere aggiunto solamente alla fine, per fare in modo che le foglie non diventino molli e non perdano il loro aroma. La semina di questa pianta annuale avviene a maggio per la coltivazione in campo, mentre se coltivato in vaso sul davanzale può resistere anche tutto l'anno. Piantare il basilico è facilissimo. Usando dischi per semina rotondi, inseriti in un vaso della giusta grandezza, avrete una crescita continua. Le tenere foglie del basilico sono molto amate dalle lumache. Se nel vostro giardino vivono molte di queste seccatrici è bene preferire una coltura in vaso. 
                    [HTMLText] => Il basilico esalta il gusto di una semplice salsa di pomodoro e sublima quello di un'insalata caprese. Il basilico ( Ocimum basilicum ) è l'arma segreta della cucina italiana. Ma ricordate: il basilico non dovrebbe cuocere insieme alla salsa, ma essere aggiunto solamente alla fine, per fare in modo che le foglie non diventino molli e non perdano il loro aroma. La semina di questa pianta annuale avviene a maggio per la coltivazione in campo, mentre se coltivato in vaso sul davanzale può resistere anche tutto l'anno. Piantare il basilico è facilissimo. Usando dischi per semina rotondi, inseriti in un vaso della giusta grandezza, avrete una crescita continua. Le tenere foglie del basilico sono molto amate dalle lumache. Se nel vostro giardino vivono molte di queste seccatrici è bene preferire una coltura in vaso. 
                    [MainPicture] => 
                    [Bold] => 
                    [Italic] => 
                    [Position] => 1
                    [FileText] => 
                )

            [2] => GS\Webservice\Paragraph Object
                (
                    [ID] => 68873
                    [Title] => 
                    [Text] => Il nostro consiglio: Il basilico è disponibile in varietà sempre nuove e diverse. Provate il basilico americano ( Ocimum americanum ), con il suo marcato aroma al bergamotto o il basilico napoletano, con una nota piperita. Scegliete poi anche le varietà con aroma di anice o di limone, per dare una ventata di freschezza alla vostra cucina.
                    [HTMLText] => Il nostro consiglio: Il basilico è disponibile in varietà sempre nuove e diverse. Provate il basilico americano ( Ocimum americanum ), con il suo marcato aroma al bergamotto o il basilico napoletano, con una nota piperita. Scegliete poi anche le varietà con aroma di anice o di limone, per dare una ventata di freschezza alla vostra cucina.
                    [MainPicture] => 
                    [Bold] => 
                    [Italic] => 
                    [Position] => 2
                    [FileText] => 
                )

            [3] => GS\Webservice\Paragraph Object
                (
                    [ID] => 68874
                    [Title] => Protagonisti dell'orto anche in inverno
                    [Text] => Il rosmarino ( Rosmarinus officinalis ) è un ingrediente irrinunciabile per preparare ottime salse o carne grigliata, stufata o arrostita. Basta farne cuocere un rametto insieme alla carne e toglierlo prima di servirla in tavola. L'origano ( Origanum vulgare ) è un ingrediente fondamentale per sughi o per pizze come la marinara. Anche la maggiorana ( Origanum majorana ) si sposa benissimo con pizza e sughi. Essiccate, queste erbe sono disponibili anche in inverno. Il timo ( Thymus vulgaris ) è un elemento fondante del bouquet garni ed è l'ideale per esaltare piatti a base di carne e verdure. Anche la salvia ( Salvia officinalis ) è un grande classico in cucina. Facendola soffriggere per alcuni istanti nel burro diventa un fantastico condimento per pasta o tortellini. La lavanda ( Lavandula angustifolia ) è un altro elemento irrinunciabile nella cucina mediterranea. La lavanda valorizza gli stufati di agnello, ma anche i dolci. Per la sua coltivazione, la lavanda predilige il clima caldo e soleggiato e un terreno permeabile e ricco di principi nutritivi. Queste erbe possono essere piantate in campo nelle zone climatiche più miti, e resistono all'inverno. Per sicurezza, nei mesi invernali possono anche essere protette con uno strato di rami. Il grado di umidità del terreno è determinante: più il terreno è permeabile più elevate sono le possibilità di sopravvivere. Altrimenti, per superare l'inverno evitando le gelate, le erbe aromatiche possono anche essere trapiantate in vaso per essere tenute a una temperatura fino a 10 gradi. 
                    [HTMLText] => Il rosmarino ( Rosmarinus officinalis ) è un ingrediente irrinunciabile per preparare ottime salse o carne grigliata, stufata o arrostita. Basta farne cuocere un rametto insieme alla carne e toglierlo prima di servirla in tavola. L'origano ( Origanum vulgare ) è un ingrediente fondamentale per sughi o per pizze come la marinara. Anche la maggiorana ( Origanum majorana ) si sposa benissimo con pizza e sughi. Essiccate, queste erbe sono disponibili anche in inverno. Il timo ( Thymus vulgaris ) è un elemento fondante del bouquet garni ed è l'ideale per esaltare piatti a base di carne e verdure. Anche la salvia ( Salvia officinalis ) è un grande classico in cucina. Facendola soffriggere per alcuni istanti nel burro diventa un fantastico condimento per pasta o tortellini. La lavanda ( Lavandula angustifolia ) è un altro elemento irrinunciabile nella cucina mediterranea. La lavanda valorizza gli stufati di agnello, ma anche i dolci. Per la sua coltivazione, la lavanda predilige il clima caldo e soleggiato e un terreno permeabile e ricco di principi nutritivi. Queste erbe possono essere piantate in campo nelle zone climatiche più miti, e resistono all'inverno. Per sicurezza, nei mesi invernali possono anche essere protette con uno strato di rami. Il grado di umidità del terreno è determinante: più il terreno è permeabile più elevate sono le possibilità di sopravvivere. Altrimenti, per superare l'inverno evitando le gelate, le erbe aromatiche possono anche essere trapiantate in vaso per essere tenute a una temperatura fino a 10 gradi. 
                    [MainPicture] => GS\Webservice\Picture Object
                        (
                            [ID] => 296007
                            [Similar] => 
                            [Title] => 
                            [Url] => http://files.green-solutions.net/296007
                        )

                    [Bold] => 
                    [Italic] => 
                    [Position] => 3
                    [FileText] => 
                )

            [4] => GS\Webservice\Paragraph Object
                (
                    [ID] => 68875
                    [Title] => Voglia di qualcosa di speciale?
                    [Text] => La santolina verde, detta anche erba oliva, ( Santolina viridis ) è una nuova stella nel firmamento delle erbe. Questa pianta, che resiste all'inverno, è tutt'ora piuttosto sconosciuta, ma affascina il palato con il suo interessante sapore di olive in salamoia. Le sue foglie a forma di ago, sono perfette per pesti, sughi e insalate, così come per piatti di carne o in abbinamento al formaggio. Anche la ruta comune ( Ruta graveolens ) è un vero fiore del sud, tipico della macchia mediterranea. Questo suffrutice sensibile al freddo possiede foglie piccole e ricoperte da uno strato ceroso. Per la categoria "cucina casereccia locale" dobbiamo menzionare anche un'erba aromatica che le nostre nonne conoscevano meglio di noi, la borracina rupestre ( Sedum rupestre, o Sedum reflexum ). Questa pianta aromatica, molto diffusa anche in Francia, sta godendo di sempre maggiore fama nella cucina internazionale. Le sue foglie, succulenti, di colore blu-verde, hanno la forma di ago ed un sapore dall'acidulo al leggermente amaro. In primavera le sue foglie sono uno scrigno ricco di vitamine. La borracina rupetre cresce al sole in terreni sabbiosi o sassosi. È l'ideale per dare un tocco di freschezza alle insalate, alle zuppe con erbe selvatiche o a salse a base di erbe.
                    [HTMLText] => La santolina verde, detta anche erba oliva, ( Santolina viridis ) è una nuova stella nel firmamento delle erbe. Questa pianta, che resiste all'inverno, è tutt'ora piuttosto sconosciuta, ma affascina il palato con il suo interessante sapore di olive in salamoia. Le sue foglie a forma di ago, sono perfette per pesti, sughi e insalate, così come per piatti di carne o in abbinamento al formaggio. Anche la ruta comune ( Ruta graveolens ) è un vero fiore del sud, tipico della macchia mediterranea. Questo suffrutice sensibile al freddo possiede foglie piccole e ricoperte da uno strato ceroso. Per la categoria "cucina casereccia locale" dobbiamo menzionare anche un'erba aromatica che le nostre nonne conoscevano meglio di noi, la borracina rupestre ( Sedum rupestre, o Sedum reflexum ). Questa pianta aromatica, molto diffusa anche in Francia, sta godendo di sempre maggiore fama nella cucina internazionale. Le sue foglie, succulenti, di colore blu-verde, hanno la forma di ago ed un sapore dall'acidulo al leggermente amaro. In primavera le sue foglie sono uno scrigno ricco di vitamine. La borracina rupetre cresce al sole in terreni sabbiosi o sassosi. È l'ideale per dare un tocco di freschezza alle insalate, alle zuppe con erbe selvatiche o a salse a base di erbe.
                    [MainPicture] => GS\Webservice\Picture Object
                        (
                            [ID] => 296008
                            [Similar] => 
                            [Title] => 
                            [Url] => http://files.green-solutions.net/296008
                        )

                    [Bold] => 
                    [Italic] => 
                    [Position] => 4
                    [FileText] => 
                )

        )

    [ContentReferences] => GS\Webservice\ContentReferences Object
        (
            [ID] => 0
            [MainPicture] => 
            [HasDecoIdeas] => 
            [HasGardenIdeas] => 1
            [HasGardenPractice] => 1
            [HasPlantdoctorReports] => 
            [HasPlants] => 1
            [HasSimilarPlants] => 
            [HasPlantPartners] => 
            [HasProducts] => 1
            [HasProjects] => 1
            [HasPromotions] => 
            [HasRecipes] => 
            [HasSeasonalTipps] => 1
            [HasVideos] => 
            [HasPlantCareInstructions] => 1
        )

    [Type] => 3
    [Description] => 
)
Erbe mediterranee
Floragard - Facebook Floragard - Twitter

    Erbe mediterranee

    Il mediterraneo in bocca

    La cucina italiana è un'esplosione di sapori in cui le erbe aromatiche sono elementi fondanti. Timo e salvia, basilico e rosmarino, origano e lavanda – tutte erbe aromatiche senza di cui molte specialità culinarie sarebbero impensabili. Bastano un paio di trucchi e un po' di cura per far crescere queste erbe a casa vostra.

    Versatile basilico

    Il basilico esalta il gusto di una semplice salsa di pomodoro e sublima quello di un'insalata caprese. Il basilico ( Ocimum basilicum ) è l'arma segreta della cucina italiana. Ma ricordate: il basilico non dovrebbe cuocere insieme alla salsa, ma essere aggiunto solamente alla fine, per fare in modo che le foglie non diventino molli e non perdano il loro aroma. La semina di questa pianta annuale avviene a maggio per la coltivazione in campo, mentre se coltivato in vaso sul davanzale può resistere anche tutto l'anno. Piantare il basilico è facilissimo. Usando dischi per semina rotondi, inseriti in un vaso della giusta grandezza, avrete una crescita continua. Le tenere foglie del basilico sono molto amate dalle lumache. Se nel vostro giardino vivono molte di queste seccatrici è bene preferire una coltura in vaso.
    Il nostro consiglio: Il basilico è disponibile in varietà sempre nuove e diverse. Provate il basilico americano ( Ocimum americanum ), con il suo marcato aroma al bergamotto o il basilico napoletano, con una nota piperita. Scegliete poi anche le varietà con aroma di anice o di limone, per dare una ventata di freschezza alla vostra cucina.

    Protagonisti dell'orto anche in inverno

    Il rosmarino ( Rosmarinus officinalis ) è un ingrediente irrinunciabile per preparare ottime salse o carne grigliata, stufata o arrostita. Basta farne cuocere un rametto insieme alla carne e toglierlo prima di servirla in tavola. L'origano ( Origanum vulgare ) è un ingrediente fondamentale per sughi o per pizze come la marinara. Anche la maggiorana ( Origanum majorana ) si sposa benissimo con pizza e sughi. Essiccate, queste erbe sono disponibili anche in inverno. Il timo ( Thymus vulgaris ) è un elemento fondante del bouquet garni ed è l'ideale per esaltare piatti a base di carne e verdure. Anche la salvia ( Salvia officinalis ) è un grande classico in cucina. Facendola soffriggere per alcuni istanti nel burro diventa un fantastico condimento per pasta o tortellini. La lavanda ( Lavandula angustifolia ) è un altro elemento irrinunciabile nella cucina mediterranea. La lavanda valorizza gli stufati di agnello, ma anche i dolci. Per la sua coltivazione, la lavanda predilige il clima caldo e soleggiato e un terreno permeabile e ricco di principi nutritivi. Queste erbe possono essere piantate in campo nelle zone climatiche più miti, e resistono all'inverno. Per sicurezza, nei mesi invernali possono anche essere protette con uno strato di rami. Il grado di umidità del terreno è determinante: più il terreno è permeabile più elevate sono le possibilità di sopravvivere. Altrimenti, per superare l'inverno evitando le gelate, le erbe aromatiche possono anche essere trapiantate in vaso per essere tenute a una temperatura fino a 10 gradi.

    Voglia di qualcosa di speciale?

    La santolina verde, detta anche erba oliva, ( Santolina viridis ) è una nuova stella nel firmamento delle erbe. Questa pianta, che resiste all'inverno, è tutt'ora piuttosto sconosciuta, ma affascina il palato con il suo interessante sapore di olive in salamoia. Le sue foglie a forma di ago, sono perfette per pesti, sughi e insalate, così come per piatti di carne o in abbinamento al formaggio. Anche la ruta comune ( Ruta graveolens ) è un vero fiore del sud, tipico della macchia mediterranea. Questo suffrutice sensibile al freddo possiede foglie piccole e ricoperte da uno strato ceroso. Per la categoria "cucina casereccia locale" dobbiamo menzionare anche un'erba aromatica che le nostre nonne conoscevano meglio di noi, la borracina rupestre ( Sedum rupestre, o Sedum reflexum ). Questa pianta aromatica, molto diffusa anche in Francia, sta godendo di sempre maggiore fama nella cucina internazionale. Le sue foglie, succulenti, di colore blu-verde, hanno la forma di ago ed un sapore dall'acidulo al leggermente amaro. In primavera le sue foglie sono uno scrigno ricco di vitamine. La borracina rupetre cresce al sole in terreni sabbiosi o sassosi. È l'ideale per dare un tocco di freschezza alle insalate, alle zuppe con erbe selvatiche o a salse a base di erbe.

    Argomenti correlati


    Ideas Giardino

    Giardino pratica

    Progetti

    Istruzioni che piantano e per la cura

    Piante

    Prodotti

    indietro